Trinacria

Sculture Argilla e smalti
Opera unica

380,00

L'artista descrive l'opera

La mia opera trae ispirazione dalla mitologia greca sulla natura del corallo, noto per le superbe lavorazioni delle maestranze siciliane. Altresì attraverso le mie opere ad esso dedicate voglio sensibilizzare chi osserva l’opera, sulla necessità di salvaguardare l’ambiente marino che circonda la nostra terra.  Impasto di argilla refrattaria tipo gres, smalti e cristalline per ceramica 950°. Ho realizzato la mia scultura con l’antica tecnica di lavorazione dell’argilla, il colombino con l’ausilio della tecnica Raku in decorazione.

Dettagli e dimensioni

Materiali: Argilla e smalti
Dimensioni (cm): Altezza 30, Larghezza 26, Profondità 26
Peso (kg): 3.4
Creato manualmente in Sicilia

Spedizioni e resi

Creato manualmente per te
Maggiori informazioni? Contattaci
Hai cambiato idea? Leggi la nostra politica di restituzione

L'opera nella cultura siciliana

A cura della Governance di Sicilian Artisan Foundation

La lavorazione del corallo è un’arte che risale all’XI secolo, quando in Sicilia regnavano gli arabi. Da allora in poi abili maestri corallai siciliani hanno creato veri e propri capolavori, come presepi, collane, bracciali, oggetti liturgici… nei quali il corallo spesso si accoppiava a rame, oro, pietra lavica. Principi, cardinali, papi e ricchi aristocratici furono tra i grandi committenti. La Trinacria è il simbolo della Sicilia. Si tratta di una Gorgone (mostro mitologico che pietrificava con lo sguarda chiunque la osservasse) con tre gambe e tipicamente, qua in Sicilia, spigacrinita, ovvero con spighe di grano al posto dei capelli. L’isola, difatti, fu uno dei granai dell’antica Roma (che conquistò la Sicilia nel III secolo a.C.). Le tre gambe della Trinacria richiamano anche alla forma della Sicilia, triangolare.

(photo) Trinacria, sheld with Trinacria depicted, VII BC

Richiedi informazioni su

Trinacria

    Accetto la privacy policy